Vota questo articolo
(2 Voti)

Una giornata a scuola con noi!

Video collegato

Un po' di foto ricordo anni scolastici precedenti...

 

Informazioni aggiuntive

  • Indirizzo

    Via: 10093- Collegno (TO)

Informazioni aggiuntive

  • Indirizzo

    Via: 10093- Collegno (TO)

Informazioni aggiuntive

  • Indirizzo

    Via: 10093- Collegno (TO)

La scuola elementare Italo Calvino è stata costruita insieme al quartiere Oltre Dora nei primi anni Ottanta e ha iniziato a funzionare, a pieno ritmo, nell'anno scolastico 1983\84.
Questa scuola, nel pur breve tempo trascorso, ha già una sua importante storia da raccontare.
L'inizio non è stato certamente facile, come non lo è per nessuna scuola in generale, e meno che mai per le scuole chiamate ad operare in situazioni ambientali di precarietà dovute proprio al sorgere di un nuovo quartiere di periferia urbana.
Uno dei primi obiettivi che la scuola Italo Calvino si è posta e che ha perseguito con convinzione e con tenacia è stato quello di inserirsi attivamente nel tessuto socio-culturale della comunità del quartiere per meglio interagire con i nuclei familiari.
Nel corso del tempo alcuni problemi si sono ridimensionati grazie ad un impegno reciproco di corpo docente, famiglie, amministrazione comunale, servizi sociali e psicologici, che hanno operato soprattutto al fine di una maggiore integrazione sociale e didattica.
Su questa base le attività di insegnamento/apprendimento sono state tutte finalizzate a:
- raccogliere e sviluppare le potenzialità didattiche, sociali ed economiche presenti nel territorio/quartiere/scuola;
- progettare particolari attività volte ad innalzare il successo scolastico
La Scuola lavora per progetti ed è organizzata in laboratori dove gli alunni hanno l'opportunità di apprendere i rudimenti dell'informatica, di fare musica e teatro, di praticare sport, di avvicinarsi allo studio delle scienze con metodi sperimentali.
Di notevole importanza e di grande successo sono considerati anche la ricca biblioteca, i laboratori di animazione alla lettura, di manualità, e di pittura.
Oggi si può tranquillamente affermare che la scuola è ben integrata nel territorio ed è diventata punto di riferimento culturale importante per la comunità.

Informazioni aggiuntive

La prima scuola mista venne aperta in un locale della cascina bergera. Si era interessata a questo progetto la signora marie engelfred di blieux, proprietaria di alcune cascine; le spese erano sostenute da privati. Piu' tardi la scuola venne spostata alla cascina dentis-casali perche' questa era piu' centrale rispetto alla bergera. 
Nel 1885 il comune di collegno fece costruire una scuola, con un'aula al pianterreno e due locali usati come magazzino e al piano superiore altre due aule; nella scuola c'era un solo servizio igienico al piano terra. Nel 1948 al piano terra venne ricavata una piccola abitazione per la guardia campestre, ampliata alcuni anni dopo.
Nel 1956 il comune di collegno aggiunse alla scuola i servizi igienici al piano terreno e al primo piano.
Nel 1969 il comune fece costruire un ampliamento: al piano terra un salone con infermeria, cucina e servizi igienici e al primo piano due aule con servizi e un ampio corridoio che collegava alla parte vecchia.
Negli ultimi anni la frazione si e' ingrandita e il comune ha finalmente fatto costruire una scuola elementare e materna nuova. L'edificio e' stato inaugurato nel settembre dell'anno 2000.

(ricerca effettuata dai bambini del laboratorio ambiente) 

analisi della situazione del plesso don sapino 

La scuola elementare Don Sapino, sita in Savonera, prende il nome dal primo parroco di questa frazione di Collegno. L'edificio, realizzato ad un solo piano fuori terra di circa 1500 metri quadrati, è costituito da tre corpi principali:
*un’ala sinistra  di circa 500 metri quadrati che ospita quattro aule di scuola primaria, l’infermeria e uno spazio aperto utilizzato di solito per il pre e dopo-scuola;
*un’ala destra di circa 600 metri quadrati in cui si trovano quattro aule sempre di scuola primaria, un’aula per psicomotricità, il laboratorio di informatica, la biblioteca, la sala insegnanti e uno spazio per  attività di laboratorio.  
*il centro polifunzionale e spazi di uso comune (circa 350 metri quadrati). Questo spazio, costituito da un salone con copertura in legno a vista può essere utilizzato per attività fisiche-motorie e come luogo di aggregazione per feste, rappresentazioni teatrali-musicali.
Ogni aula ha un accesso autonomo all'esterno sul giardino, che consente di svolgere lezioni o momenti di intrattenimento all'aperto. Il giardino, di oltre 1500 metri quadrati, circonda la scuola su tutti e quattro i lati, vi sono spazi comuni con giochi.

Informazioni aggiuntive

La scuola elementare " Don Milani" è sorta nel 1974/75 ed è inserita all'interno di un quartiere popolare sorto con essa. L'ambiente che gravita intorno alla scuola non è più da considerarsi "a rischio" come al momento del suo insediamento nel quartiere, poiché col passare degli anni i gravi problemi degli anni 70 derivanti da una massiccia immigrazione si sono notevolmente  attenuati.
Le classi funzionano tutte a tempo pieno (40 ore settimanali).
Nella scuola funzionano laboratori di lingua straniera, psicomotricità, informatica e  manualità. 
La palestra costruita accanto alla scuola viene utilizzata dalle classi durante l’orario scolastico, dalle 8,30 alle 16,30.

Informazioni aggiuntive

L’edificio risale al 1926 ed è la scuola più vecchia di Collegno dopo la scuola “Leumann”. Il 23 maggio 1926, alle ore 10.30 si svolgeva a Collegno, al parco
della Rimembranza in Via Audifredi, la cerimonia per la posa della prima pietra del nuovo edificio scolastico, con l'intervento di Filiberto di Savoia duca di Pistoia e delle autorità civili militari e della provincia. Alla cerimonia fu invitato il senatore Paolo Boselli al quale l'amministrazione aveva deciso di intitolare la scuola, come si legge nel documento dell'archivio comunale: "L'opera d'arte creata per crescere e formare le nuove generazioni di questo industrioso e laborioso, paese dopo le raffiche rosse che tutto avevano cercato di offendere e sovvertire, è dedicata all'Eccellenza Vostra, italiano purissimo nel cuore, nel pensiero, nel lavoro e nel sacrificio. L'Amministrazione, quindi, si augura che l'Eccellenza Vostra vorrà prendere parte alla cerimonia e sarà orgogliosa di poter annunciare l'attesa adesione con l'ansia che agita le di ore più decisive della vita pubblica". Ma l'ansia resterà tale in quanto Boselli non presenzierà alla cerimonia, come si legge dal telegramma inviato il 21 maggio "Sono infinitamente dolente non poter intervenire alla cerimonia, per edificio scolastico. Tutto animo mio sarà presente coi ricordi inestinguibili che mi legano a Collegno...
Sono gratissimo per l'onore che soverchia troppo merito mio .. prego S.V interpretare miei sentimenti significando mio saluto di gratitudine di affetto e di ispirazione Italiana pari al cuore di Collegno». Paolo Bosellì nato Savona nel 1838 e
morto poi a Roma nel 1932, dal 1871 fu professore di scienze delle finanze nell'università di Roma, dal 1870 ministro più volte con Crispi, Pelloux e Sonnino e Presidente del Consiglio dal 1916 al 1917.
La scuola Boselli è inserita nel quartiere Borgonuovo di Collegno e risulta avere un'utenza media. 
Nella scuola Boselli sono attivi i seguenti laboratori: inglese, computer, teatro, musica, psicomotricità.

Informazioni aggiuntive

  • Indirizzo

    Via: Via Martiri XXX Aprile, 23 - 10093 Collegno (TO)

  • Telefono

    011-7805278

Nel 1970 "Villa Bruneri" viene donata al Comune di Collegno, che ne destina l'utilizzo come scuola materna comunale, occupandone tre piani.
Verso la fine degli anni '70 viene deciso l'ampliamento con la costruzione di un'ala predisposta ad accogliere tre sezioni. La nuova scuola materna statale, che ha iniziato a funzionare nel settembre 1981, è stata intitolata, per scelta delle insegnanti, ad "Angela Fresu", la più piccola tra le vittime della strage di Bologna avvenuta il 2 Agosto del 1980, come testimonianza attiva in difesa degli ideali di giustizia e di convivenza democratica di cui la nostra storia e la nostra cultura antifascista sono portatrici.
Con questi presupposti, da molti anni ormai, la nostra scuola impronta i suoi programmi didattici all'educazione alla pace, alla solidarietà e all'intercultura, promuovendo una formazione pluridimensionale nella prospettiva di una società interculturale, come viene ribadito anche negli Orientamenti del 1991 per la scuola dell'infanzia, dando un risalto molto particolare al riconoscimento e alla valorizzazione della diversità in senso ampio. 
La nostra scuola, considerando il bambino come "soggetto attivo" e protagonista, ne promuove il ben-essere psico-fisico, che è la condizione primaria per la sua partecipazione attiva ai processi di apprendimento.
Da qualche anno le insegnanti, ispirandosi alle tematiche relative alla "educazione ai rapporti", si sono impegnate nel creare e predisporre un contesto di vita che permetta al bambino di star bene con se stesso, con gli altri e con l'ambiente. Tutto questo, può essere realizzato in un clima piacevole, rassicurante, di accoglienza, rispetto, solidarietà e collaborazione. 
L'educazione ai rapporti non è una nuova materia di insegnamento, ma è da noi intesa come una rinnovata concezione del quotidiano rapporto tra adulto e bambino.
Rapporto basato:

  • Sulla centralità della figura del bambino, considerato in rapporto alla sua famiglia, alla società, all'ambiente, alla cultura.
  • Sul rispetto dell'individualità, delle potenzialità, dei diversi tempi di crescita e di maturazione di ciascuno.
  • Sull'osservazione e sull'ascolto dei diversi bisogni e delle diverse caratteristiche proprie di ogni singolo bambino.

Negli anni la scuola ha promosso progetti di solidarietà in collaborazione
con le famiglie e amministrazione comunali, quali: adozioni a distanza,
gemellaggi con paesi stranieri, percorsi di educazione interculturali
attraverso molteplici linguaggi narrativi.

Negli ultimi anni,  progetti riferiti all’arte, si prefiggono di coniugare le potenzialità comunicative  alla libertà espressiva, alla vivacità e all’insaziabile curiosità dei bambini, facendoli avvicinare ad un settore della cultura troppo spesso relegato ai margini del normale insegnamento didattico.

Informazioni aggiuntive

La scuola per l'infanzia "Mamma Pajetta" venne aperta negli anni 70 con sede in una struttura prefabbricata che venne usata fino al 1981. L'anno dopo fu inaugurata, a fianco della prima, la nuova scuola. Gli architetti, che richiesero anche il parere delle insegnanti, predisponendo il progetto strutturale dell'edificio organizzarono lo spazio d'ogni sezione in modo funzionale, organico e compatibile con le esigenze didattiche.
Nel corso dell'anno scolastico 2001/02 è stata architettonicamente e strutturalmente allestita una quarta sezione con lo scopo di accogliere le numerose richieste di iscrizione da parte delle famiglie residenti nel territorio del Circolo ed, in particolare, nel quartiere che nel corso degli ultimi anni è andato espandendosi.
Così, il vecchio atrio della scuola è stato adibito ad aula, mentre l'antibagno ed i servizi igienici, sono stati ricavati da altri locali attigui e preesistenti.
Le  sezioni sono dotate spazi abbastanza ampi nei  quali si svolgono le diverse attività didattiche, il pranzo, il riposo e la pulizia personale. Tutte le sezioni si aprono sul salone centrale che funge anche da spogliatoio per i bambini e viene usato in occasione di feste, per le rappresentazioni teatrali, per momenti di gioco. 
Vi sono, inoltre, alcuni spazi più limitati: la cucina, dove il personale addetto raziona i pasti; l'infermeria, dove viene riposto il materiale sanitario; lo spogliatoio per il personale non docente; la camera blindata e i servizi igienici per gli adulti. Tutti gli ambienti sono accoglienti, colorati e  molto luminosi. La scuola è dotata di forno per la cottura dei manufatti in ceramica prodotti dai bambini durante l’attività nel laboratori di creta.
Nel piano seminterrato c'è la sala appositamente allestita come "stanza di psicomotricità", usata dai bambini del plesso e dai bambini della scuola Don Milani primara e infanzia.
La scuola dispone di un ampio giardino attrezzato con alcune strutture fisse idonee al gioco.

 

Informazioni aggiuntive

La scuola dell’infanzia “Don Milani” è nata nel gennaio 1987 a seguito dello smembramento della scuola di Via Gobetti. Sono stati utilizzati dei locali della scuola primaria “Don Milani” che è situata in P.za Neruda 9. 
La scuola è composta da due locali dormitori, due locali adibiti a sezione, una sala igienica ed un salone-atrio valente come spogliatoio e spazio-gioco. Quest’ultimo è il primo ambiente che il bambino incontra entrando nella scuola, in questa prospettiva assume una fisionomia particolare come spazio di accoglienza e spazio di prolungamento del rapporto genitore-bambino. Per questo motivo si è cercato di allestirlo in modo da renderlo il più accogliente possibile attraverso cartelloni, disegni, decori colorati. Questo salone è inoltre utilizzato per le feste con i genitori e rappresentazioni teatrali. Nella struttura sono compresi la cucina dove si ricevono e smistano i pasti, i servizi igienici per gli adulti, lo spogliatoio per il personale non docente e spazi per riporre attrezzature di servizio. 
Nel corso degli anni sono state apportate modifiche strutturali quali la separazione dalla scuola primaria che ha permesso di ricavare i locali di servizio sopra descritti.
Nel 2003 sono stati eseguiti ulteriori lavori ai locali interni ed esterni con la definizione di un ingresso indipendente. Fa parte della struttura un giardino dotato di due scivoli, una casetta e due coperture che consentono ai bambini di giocare all’ombra con palette, secchielli… 
Nel settembre 2004 una piccola zona è stata delimitata ed adibita ad orto dove i bambini possono fare giardinaggio.

Informazioni aggiuntive

La scuola dell'infanzia "G. Rodari" si trova a Collegno, nel quartiere Oltre Dora.
Essa è sorta contemporaneamente al quartiere ed ha iniziato a funzionare nell'anno scolastico 1983-84.
Il quartiere Oltre Dora geograficamente è delimitato dalla Dora Riparia e dalla strada Torino - Pianezza.
Esso è formato prevalentemente da case di edilizia pubblica e di edilizia convenzionata; vi risiedono famiglie di provenienza urbana (Torino, Rivoli , Grugliasco ed altri centri della prima cintura torinese) e da famiglie di provenienza extracomunitaria.
La zona che ai tempi dei primi insediamenti risultava essere ad alto rischio di disagio e di disgregazione socio – culturale, negli ultimi anni ha subito numerose trasformazioni che l’hanno resa più gradevole e tranquilla. Il quartiere ha quindi assunto il nuovo nome di “Villaggio Dora”.
Nel quartiere sono presenti varie associazioni, un centro polivalente, la parrocchia,  il mercato e due centri commerciali. 

Informazioni aggiuntive

Anno scolastico 2019/20

I A

AZZOLINA Grazia

BARALE Anna

Suppl. PANIZZI CHIARA  (Sostegno)

IRC: POGUISCH Gaetana 

I B

MUSTI Maria

VOLPE Rosalba

Suppl. PANIZZI CHIARA  (Sostegno)

FINANZE Giulia (Sostegno)

RUSSO Chiara (Sostegno)

IRC: POGUISCH Gaetana 

II A

DI STEFANO Mariangela

DAINOTTI Alessandra

IRC: CATANIA M. Pina

DI IORIO Sonia (Sostegno)

ROSTA Federica (Sostegno)

II B 

 CREACO MARISA

BERGOGLIO Francesca

IRC: LOVELLI Eugenia

III A

VOCISANO Lorenza

CONVERTITO Nunzia

VEVEY Davide (sostegno)

IRC: CATANIA M. Pina

III B

 MACAGNO Paolo

GINEPRO Raffaella

IRC: CATANIA M. Pina

PERINO Luisa (Sostegno)

IV A

BONOTTO Annalisa

ZEOLLA Oriana

H: MISTRETTA Domenica

IRC: LOVELLI Eugeni

IV B

BAI Pietro

MOLINARI Stefania

IRC: LOVELLI Eugenia

PERINO Luisa (Sostegno)

V A

BRACHET Roberta

NACCI Leonarda

VEVEY Davide (sostegno)

IRC: CATANIA M. Pina

V B

GRIMALDI Giuditta

BASSI Maria

IRC: CATANIA M. Pina

LEO Monica (Sostegno)

Informazioni aggiuntive

  • Indirizzo

    Via: Via Martiri XXX Aprile, 23 - 10093 Collegno (TO)

  • Telefono

    011-7805278

Anno scolastico 2019/20

Classi                     

Insegnanti:

I A

BONFIGLIO Bianca

GIACHI Patrizia     

SORBARA ROSA  (Sostegno)

IRC: CATANIA M. Pina

II A

AQUINO Gilda

DI SERIO Angela

ROSSI Silvia

MISTRONI Paola  (Sostegno)

IRC: CATANIA M. Pina

II B

AQUINO Gilda

DI SERIO Angela

PAONE Simona

CORTESE Carmela (Sostegno)

LUZZI Elia  (Sostegno)

IRC: POGUISCH Gaetana

III A

CRINITI Caterina

GALATI Alessio

BOCADIFUOCO Caterina  (Sostegno)

IRC: CATANIA M. Pina

IV A

SCATURRO Giusi

MARVELLI Antonio

H: Saccà Giuseppa

IRC: CATANIA M. Pina

V A

CARUSO Marisa

ALEO Floriana

H: PROFETA Simona  (Sostegno)

IRC: CATANIA M. Pina

Informazioni aggiuntive

Anno scolastico 2019/20

I A

PETTORRUSO Miriam

 GUARRERA Chiara

IRC: POGUISCH Gaetana

II A

TOSCANO Annalisa

BOERO RUL Giulia

IRC: POGUISCH Gaetana

II  B

MAIURI Giovanna

ASTESANA NADIA

IRC: POGUISCH Gaetana

III A

BLESIO STEFANIA

SESIA Tatiana

CAPPUCCI Rosalba (Sostegno)

IRC: POGUISCH Tania

III B

IERARDI Erminia

LABATE Federica

FINANZE Giulia (Sostegno)

IRC: POGUISCH Tania

IV A

POMARICO PATRIZIA

ANDRIANI SILVIA

LUZZI Elia (Sostegno)

IRC: POGUISCH Tania

IV B

DI FIDIO Lucia

RINALDI Silvia

FRESCH Lorena (Sostegno)

IRC: POGUISCH Tania

V A 

MICELI SOPO Patrizia

MOSCHETTI Agatina

IRC: POGUISCH Tania

V B 

ANDREUCCI Clara

VITTOZZI Nicoletta

GUSMEROLI Doriano

ROSTA Federica

IRC: POGUISCH Tania

Informazioni aggiuntive

Anno scolastico 2019/20

Classi Insegnanti:
I A

BOCCUZZI Angela

BERTAINA Roberta

IRC: LOVELLI Eugenia

MELODIA Annalisa (Sostegno)

II A

MANCINO Francesca

MARTUCCI Maddalena

IRC: LOVELLI Eugenia

III A

MORO Silvana

RUGGIERO Aurora

IRC: LOVELLI Eugenia

ZAMPINO Marilena (Sostegno)

IV A CALABRESE Paola

BRUNO Manuela

IRC: LOVELLI Eugenia

V A

MANTOVANI Manuela

GIANNINI Laura

RUSSO Chiara (Sostegno)

IRC: LOVELLI Eugenia

Informazioni aggiuntive

Anno scolastico 2019/20

Sezione Insegnanti:
A

Berardi carmela

Fersurella Cosima

 GIORGIO Emanuela (Sostegno)

B

CAPOBIANCO Antonia

VALENTINO Silvia

Rosso Daniela (Sostegno)

Paduano Eleonora (Sostegno)

Insegnante Religione Cattolica: PUGLIESE Eva

Informazioni aggiuntive

Anno scolastico 2019/20

Sezione Insegnanti:
A

GUGLIELMIN LAURA

PAGANO GIUSEPPA

B CALCAGNO ANNA MARIA  
RAVAGNANI STEFANIA
C

ALBANO FRANCESCA
MARRAPODI TERESA

D

SAPIA VINCENZA
MANCIN Laura

E

BALZAROTTI Cristina
DI MATTEO Debora

Insegnante Religione Cattolica: PUGLIESE Eva

Informazioni aggiuntive

  • Indirizzo

    Via: 10093- Collegno (TO)

Anno scolastico 2019/20

Sezione Insegnanti:
A

INDELICATO Carmela
TRUNGADI Daniela

B

CHIOLERO Giulia
PROVERA Giuliana

C

CARLUCCI Annarita
SERRA Barbara

D

BETULIA  Silvia
IANNI’  M. Grazia

Insegnante Religione Cattolica: PUGLIESE Eva

Informazioni aggiuntive

Anno scolastico 2019/20

Sezione Insegnanti:
A

GHIRETTI Valeria
BERTOLAZZO Michela

De Fano Teresa  (SOSTEGNO)

B

PARISI Maria 
PADERI Patrizia

INTOCI Federica (sostegno)

C

CATALANO Luana

PACE Antonella

D

MESSINEO Fabiana
TURIN Monica

Insegnante Religione Cattolica: PUGLIESE Eva

Informazioni aggiuntive

Anno scolastico 2019/20

Sezione Insegnanti:
A

Reynaud Barbara
Salemi Francesca Giorgia

Scalitti Maura  (SOSTEGNO)

Tomasi Carola (SOSTEGNO)

D'Agostini Nicoletta (SOSTEGNO)

B

Divina Cristiana
PIOVANO Carlotta
Carena Claudia  (SOSTEGNO)

 Insegnante Religione Cattolica: GALLIZIO Paola Anna

Informazioni aggiuntive

La scuola d'infanzia "Villas" del III Circolo di Collegno è situata a Savonera in via Villa Cristina 3, in una zona pressappoco centrale rispetto alla frazione.
Un tempo, fino all’anno scolastico 2003/2004, la scuola era ospitata presso l’edificio di recente costruzione dell’attuale scuola primaria Don Sapino.
La scuola è strutturata su due piani e ha due sezioni eterogenee per età che possono accogliere fino a 28 bambini ciascuna.
Al piano superiore si colloca il dormitorio comune alle sezioni e un locale utilizzato per le attività di laboratorio, di psicomotricità, di lettura e per le rappresentazioni teatrali.
La scuola possiede un giardino utilizzabile sia per il gioco libero dei bambini sia per eventuali attività di giardinaggio.
Le insegnanti si adoperano costantemente per creare un ambiente più funzionale e idoneo ai bisogni e alle esigenze degli alunni.

Informazioni aggiuntive

Pagina 1 di 2